Corte costituzionale: legittima la tutela indennitaria nei licenziamenti collettivi

Last Updated on Gennaio 24, 2024

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 7 del 22 gennaio 2024, ha dichiarato infondate le questioni di legittimità sul regime sanzionatorio dei licenziamenti collettivi nel caso di violazione dei criteri di scelta (v. artt. 3, comma 1, e 10 del D.lgs. 23/2015, attuativo del cosiddetto Jobs Act). Tale disciplina prevede, in favore dei lavoratori assunti dopo il 7 marzo 2015, una tutela economica in luogo di quella reintegratoria riconosciuta ai lavoratori già in forza alla predetta data.

Ad avviso della Consulta, la previsione di una sanzione differente per la medesima violazione, a seconda della data di assunzione del lavoratore (pre o post il 7 marzo 2015), non viola il principio di uguaglianza. Essa risponde, infatti, al potere discrezionale del legislatore di modulare diversamente le conseguenze del licenziamento illegittimo ovvero conservare la tutela reintegratoria solo per quei lavoratori che, essendo in servizio a marzo 2015, già ne fruissero (lavoratori vecchi) e limitare l’applicazione della nuova disciplina indennitaria a quelli assunti dopo tale data (lavoratori giovani), con la finalità di incentivarne l’occupazione.

La Corte Costituzionale, inoltre, conferma l’adeguatezza e la dissuasività del rimedio risarcitorio fissato, oggi, nella misura variabile da un minimo di 6 a un massimo di 36 mensilità dell’ultima retribuzione, ritenendolo idoneo a contemperare i diversi interessi in gioco e a soddisfare l’esigenza, propria di qualsivoglia sistema sanzionatorio, di certezza e prevedibilità.

Infine, la Consulta auspica che, in ogni caso, il legislatore operi una revisione complessiva della vigente disciplina sanzionatoria dei licenziamenti, attualmente declinata in diversi regimi di tutela.

Lo Studio Toffoletto De Luca Tamajo è a disposizione per ogni necessità e/o chiarimento.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Garante privacy: regole restrittive per la conservazione delle email dei dipendenti Garante privacy: regole restrittive per la conservazione delle email dei dipendenti Febbraio 14, 2024 - Il Garante della privacy introduce modalità restrittive per la gestione della posta elettronica dei lavoratori che rischiano di creare rilevanti problemi organizzativi e gestionali alle imprese. Nel provvedimento è previsto che i datori di lavoro (pubblici e privati) che utilizzino programmi e servizi informatici per la gestione dell’email dei dipendenti - specialmente se forniti in modalità cloud o as-a-service – possano conservare i metadati (giorno, ora, mittente, destinatario, oggetto e dimensione) dei messaggi di posta elettronica fino ad un massimo di 7 giorni, estensibili - in presenza di comprovate esigenze - di ulteriori 48 ore. Quali soluzioni organizzative adottare?
Sicurezza informatica. L’impatto dello smart working Sicurezza informatica. L’impatto dello smart working Febbraio 5, 2024 - In un mondo sempre più digitalizzato e connesso la sicurezza informatica è diventata di fondamentale importanza. La sicurezza informatica aziendale consiste nella salvaguardia dell’integrità, della riservatezza e della disponibilità di dati e informazioni che vengono gestiti direttamente da un’impresa ed è indispensabile sia per consentire la continuità dell’attività, preclusa in caso di attacco informatico, che per tutelare il know-how aziendale e le informazioni personali dei dipendenti. Le questioni attinenti alla sicurezza informatica sono molteplici e coinvolgono anche il diritto del lavoro. Vediamo insieme in che termini.
Bonus Mamme L’esonero contributivo per le lavoratrici madri Bonus Mamme, l’esonero contributivo per le lavoratrici madri Febbraio 5, 2024 - La legge di bilancio per il 2024 (L 213/2023) ha introdotto, con i commi 180 e 181, un esonero contributivo a favore delle lavoratrici madri di tre o più figli, dipendenti a tempo indeterminato, valido dal 2024 al 2026. L’esonero, in via sperimentale, è stato esteso nel 2024, anche alle madri di due figli.  Il 31 gennaio 2024 INPS ha pubblicato la circolare 27 con cui dettaglia le modalità per rendere operativa la misura. Vediamo come.
Il diritto di critica del dipendente ai tempi dei social Il diritto di critica del dipendente ai tempi dei social Gennaio 29, 2024 - Nell’era dei social network anche le imprese si trovano a dover fare i conti con i rischi per l’immagine e la riservatezza derivanti dall’uso improprio di tali strumenti da parte dei dipendenti. È per questo motivo che sempre più spesso le società fanno ricorso alla social media policy, strumento idoneo a sensibilizzare e informare i collaboratori circa le conseguenze di un uso poco attento degli account social. Numerosi sono, infatti, i casi in cui la giurisprudenza ha confermato la legittimità del licenziamento disciplinare di dipendenti che hanno pubblicato post offensivi e diffamatori nei confronti del datore di lavoro.