ESG: la direttiva 2022/2464 sulla rendicontazione annuale di sostenibilità

Last Updated on Giugno 5, 2023

ESG è l’acronimo di Environmental, Social e Governance ovvero l’impegno a tutela dell’ambiente, il rispetto dei diritti umani e sociali e la trasparenza nell’attività di amministrazione e di governo aziendale, tre fattori centrali nella misurazione della sostenibilità di un’azienda.

In questo ambito particolarmente significativa è la direttiva 2022/2464 (CSRDCorporate Sustainability Reporting Standard Directive), pubblicata in Gazzetta ufficiale il 16 dicembre 2022 che gli Stati membri dovranno recepire entro il 6 luglio 2024

Essa integra e modifica diversi provvedimenti comunitari e, in particolare, la direttiva 2013/34 (NFRD, Non Financial Reporting Directive) in materia di rendicontazione annuale di sostenibilità, imponendo nuovi obblighi di rendicontazione da parte delle società circa il proprio operato e i relativi impatti in materia di ambiente, di diritti umani e sociali e di governance.

Quali società riguarda?

La direttiva 2022/2464 prevede che gli obblighi di rendicontazione di sostenibilità riguardino:

  • le imprese di grandi dimensioni anche se non sono di interesse pubblico (sono grandi imprese quelle che alla data di chiusura del bilancio superano i limiti numerici di almeno due dei tre seguenti criteri: stato patrimoniale pari a 20 milioni di euro; ricavi netti delle vendite e delle prestazioni pari a 40 milioni di euro; una media di 250 dipendenti);
  • le piccole e medie imprese quotate, ad eccezione delle microimprese.
La rendicontazione annuale di sostenibilità

Le aziende sopra indicate dovranno presentare la rendicontazione annuale di sostenibilità: l’impresa dovrà riferire sia in merito all’impatto delle proprie attività sulla società e sull’ambiente, sia in merito al modo in cui le questioni di sostenibilità incidono sullo sviluppo e sulle performance aziendali (c.d. principio di doppia materialità o doppia rilevanza).

Il report dovrà contenere:

  1. il modello e la strategia aziendali che indichino la resilienza ai rischi connessi alle questioni di sostenibilità;
  2. gli obiettivi connessi alle questioni di sostenibilità individuati dall’impresa, inclusi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra almeno per il 2030 e il 2050; 
  3. il ruolo degli organi di amministrazione, gestione e controllo nelle questioni di sostenibilità; 
  4. l’esistenza di sistemi di incentivi in materia di sostenibilità; 
  5. le procedure di due diligence applicate dall’impresa in relazione alle questioni di sostenibilità; 
  6. i principali impatti negativi, effettivi o potenziali, legati alle attività dell’impresa nonché le eventuali azioni intraprese per prevenirli o attenuarli e i relativi risultati;
  7. principali rischi per l’impresa connessi alle questioni di sostenibilità; 
  8.  indicatori pertinenti per la comunicazione delle informazioni.

Le informazioni che le piccole e medie imprese devono fornire sono, invece, meno dettagliate di quelle appena elencate e possono limitarsi alla descrizione della strategia e delle politiche aziendali in relazione alle questioni di sostenibilità, all’indicazione dei principali impatti negativi e delle eventuali azioni intraprese per far fronte ai medesimi nonché all’indicazione dei principali rischi per l’impresa e le relative modalità di gestione.

principî di rendicontazione di sostenibilità

In base ai principi di rendicontazione, che saranno meglio specificati dalla Commissione europea, le società saranno tenute a comunicare:

  1. informazioni riguardo a fattori ambientali quali l’adattamento ai cambiamenti climatici, l’inquinamento, la biodiversità e gli ecosistemi;
  2. informazioni riguardo a fattori sociali e diritti umani quali la parità di trattamento e le pari opportunità (comprese la parità di genere e la parità retributiva), le condizioni di lavoro (es. occupazione sicura, salari adeguati e orario di lavoro), i diritti delle persone con disabilità; 
  3. le informazioni riguardo fattori di governance quali l’etica aziendale e la cultura d’impresa (compresa la lotta contro la corruzione), la protezione degli informatori e i rapporti con clienti e fornitori.
Attestazione di conformità della rendicontazione di sostenibilità 

Vi è poi l’obbligo di ottenere il rilascio di un’attestazione di conformità della rendicontazione di sostenibilità da parte di un revisore legale o di una società di revisione contabile che deve esprimere le proprie conclusioni in merito alla conformità della rendicontazione di sostenibilità alle disposizioni dell’UE.

Scadenze

La direttiva dovrà essere recepita entro il 6 luglio 2024

È prevista un’applicazione temporale progressiva per cui gli Stati membri applicheranno le misure necessarie:

  • alle grandi imprese già interessate dall’applicazione della direttiva NFRD, per gli esercizi aventi inizio dal 1° gennaio 2024 (ovvero le società di grandi dimensioni occupanti in media 500 dipendenti e di interesse pubblico);
  • alle grandi imprese che non sono attualmente soggette al raggio d’azione della NFRD, per gli esercizi aventi inizio dal 1° gennaio 2025;
  • alle piccole e medie imprese quotate (escluse le microimprese), per gli esercizi aventi inizio dal 1° gennaio 2026;
  • alle imprese di paesi terzi con fatturato netto superiore a 150 milioni nell’UE se hanno almeno una filiale o succursale nell’UE, per gli esercizi aventi inizio dal 1° gennaio 2028.
Cosa possono fare le società?

In attesa del recepimento della direttiva le società stanno già iniziando ad adeguarsi potenziando gli interventi in ciascuno dei 3 ambiti dell’ESG.

Con particolare riferimento alla “S” di Social occorre adottare tutte le iniziative volte a garantire diritti fondamentali quali una retribuzione adeguata, pari opportunità, tutela della diversità e promozione dell’inclusione, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, libertà sindacale. 

In questa direzione, in Italia con la L. 162/2021 è stato introdotto l’obbligo per le aziende pubbliche e private che occupano più di 50 dipendenti di redigere, con cadenza biennale, un rapporto sulla situazione del personale maschile e femminile nonché sono stati previsti per le imprese che conseguano la certificazione della parità di genere interessanti incentivi(quali sgravi contributivi nonché punteggi premiali per la concessione di aiuti di Stato e per la valutazione di offerte presentate nell’ambito di bandi di gara relativi a procedure per l’acquisizione di opere, servizi e forniture).

Si segnala, inoltre, la legge delega sulla disabilità volta alla promozione dei diritti e delle tutele delle persone con disabilità, altro settore in cui la garanzia dell’inclusione è fondamentale per lo sviluppo di un ambiente di lavoro sostenibile. 

La “G” di Governance riguarda il modo in cui un’azienda è amministrata e garantisce una gestione trasparente. 

Tra gli strumenti da mettere in campo ci sono, ad esempio, il rispetto delle quote rosa nei C.d.A. e l’adeguamento agli obblighi in materia di whistleblowing.

È stata di recente pubblicata la direttiva sulle quote rosa nei Consigli di Amministrazione (2022/2381) che impone alle società quotate di grandi dimensioni di garantire che gli appartenenti al sesso sotto-rappresentato occupino almeno il 40% dei posti di amministratore senza incarichi esecutivi o il 33% di tutte le posizioni di amministratore con o senza incarichi esecutivi.

E’, inoltre, stata recepita con D.lgs. 24/2023 la direttiva sul whistleblowing (2019/1937) che impone alle aziende con almeno 50 dipendenti l’adozione di un canale di segnalazione interna, con relativa formazione degli incaricarti e informazione ai dipendenti sull’uso dei diversi canali di segnalazione; è previsto un regime di protezione per coloro che segnalano illeciti di cui siano venuti a conoscenza nello svolgimento dell’attività lavorativa.

Conclusioni

In attesa che il legislatore italiano recepisca le novità della direttiva appena esaminata, è importante che le società inizino ad adeguarsi ai parametri di sostenibilità.

Lo Studio è a disposizione per condurre degli audit sulle prassi e sulle policy aziendali già presenti, aggiornare le policy e predisporne di nuove utili al soddisfacimento degli obiettivi ESG, fare training ad hoc per le funzioni coinvolte (HR, Legal, Internal Auditing) su temi ESG e sulle policy delle società.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Il tempo-tuta va retribuito solo se c’è eterodirezione Maggio 28, 2024 - Le imprese hanno apprezzato gli innegabili vantaggi del ricorso allo smart working. Dalla maggiore flessibilità e dalla possibilità di conciliare meglio le esigenze di vita privata con quelle lavorative spesso derivano, infatti, l’incremento della produttività dei lavoratori e la riduzione del tasso di assenteismo. Diversi sono i profili di interesse per le imprese quando si tratta di lavoro agile, ma nel presente approfondimento ci soffermeremo sul diritto alla disconnessione del dipendente, tema di cui si sta occupando anche il legislatore comunitario.
Violenza contro le donne: pubblicata la Direttiva Maggio 27, 2024 - È stata pubblicata la Direttiva n. 1385 del 14 maggio 2024 «sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica». Scopo del provvedimento è combattere efficacemente il fenomeno, ancora purtroppo molto diffuso, della violenza di genere, concentrandosi in modo particolare sulla definizione precisa di reati e pene irrogabili, sulla protezione e assistenza delle vittime e sull’accesso alla giustizia. In particolare, è disposto che gli Stati membri adottino misure appropriate per contrastare tutte ... Leggi tutto
Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale Disabilità: ecco cosa cambia Maggio 16, 2024 - Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato».  Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, ... Leggi tutto
Decreto Coesione: nuovi incentivi per le assunzioni Maggio 10, 2024 - Il Governo ha adottato il Decreto Legge n. 60 del 7 maggio 2024 (cd. Decreto Coesione) contenente una serie di incentivi volti all’inserimento
 nel
 mondo
 del
 lavoro
 dei
 soggetti più svantaggiati
 in ragione
 dell’età,
 del
 genere e dello stato occupazionale nonché a favorire iniziative imprenditoriali finalizzate anche a ridurre i divari territoriali. Per 
ciascuna
 misura
 ... Leggi tutto