Esoneri per l’assunzione di giovani e donne: via libera dell’UE  

Last Updated on Giugno 22, 2023

La Commissione Europea ha reso noto, con comunicato stampa del 19 giugno 2023, di aver autorizzato, nell’ambito del Quadro Temporaneo per gli aiuti di Stato in caso di crisi e transizione, due misure a sostegno dell’occupazione giovanile e femminile, previste dalla legge di Bilancio 2021 (v. il nostro articolo «Sgravi contributivi nella nuova legge di bilancio» del 15.02.2021) per il biennio 2021-2022 e dalla Legge di Bilancio 2023 per l’anno in corso.

In particolare, le citate disposizioni hanno riconosciuto in favore dei datori di lavoro privati l’esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato (e le trasformazioni di contratti a termine), effettuate nel triennio 2021-2023, di:

  • giovani che non abbiano ancora compiuto 36 anni e che non siano stati precedentemente occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore. Lo sgravio è fruibile per un periodo massimo di 36 mesi (48 per le assunzioni effettuate in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna);
  • donne svantaggiate in base a fattori quali l’età, la durata della disoccupazione, il settore di specializzazione e il territorio in cui risiedono. L’esonero spetta per massimo 18 mesi per l’assunzione a tempo indeterminato (o trasformazione del contratto a termine) e 12 mesi nell’ipotesi di rapporto a termine.

In entrambi i casi l’agevolazione è pari al 100% dei contributi previdenziali a carico del datore (con esclusione dei premi Inail) ed è concessa nel limite annuo di 6.000 euro per il 2021 e il 2022 e di 8.000 euro per il 2023, riparametrato e applicato su base mensile.

La Commissione ha ritenuto gli esoneri in questione conformi alle norme dell’Unione sugli aiuti di Stato precisando che gli stessi:

  1. sono fruibili da tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni e dal settore in cui operano;
  2. sono riconosciuti solo per le assunzioni effettuate nel periodo tra il 1º luglio 2022 e il 31 dicembre 2023 (il primo semestre 2022 era stato già autorizzato lo scorso gennaio);
  3. non possono superare 2 milioni di euro per la generalità delle imprese, 250.000 euro per i datori agricoli e 300.000 euro per quelli operanti nei settori della pesca e dell’acquacultura;
  4. sono concessi entro il 31 dicembre 2023

Non resta che attendere le istruzioni dell’Inps per rendere definitivamente operativi i due esoneri che andranno ad integrare il variegato panorama degli incentivi rivolti alle imprese.

Il nostro Studio resta a disposizione per fornirVi l’assistenza necessaria all’implementazione di queste interessanti misure volte a ridurre il costo del lavoro. Il tema delle agevolazioni sarà, inoltre, oggetto di un webinar di approfondimento previsto per la seconda metà di luglio e di una guida ricognitiva di tutte le agevolazioni ad oggi disponibili e maggiormente utilizzabili a livello nazionale, a cura del team di Consulenza del Lavoro.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Il tempo-tuta va retribuito solo se c’è eterodirezione Maggio 28, 2024 - Le imprese hanno apprezzato gli innegabili vantaggi del ricorso allo smart working. Dalla maggiore flessibilità e dalla possibilità di conciliare meglio le esigenze di vita privata con quelle lavorative spesso derivano, infatti, l’incremento della produttività dei lavoratori e la riduzione del tasso di assenteismo. Diversi sono i profili di interesse per le imprese quando si tratta di lavoro agile, ma nel presente approfondimento ci soffermeremo sul diritto alla disconnessione del dipendente, tema di cui si sta occupando anche il legislatore comunitario.
Violenza contro le donne: pubblicata la Direttiva Maggio 27, 2024 - È stata pubblicata la Direttiva n. 1385 del 14 maggio 2024 «sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica». Scopo del provvedimento è combattere efficacemente il fenomeno, ancora purtroppo molto diffuso, della violenza di genere, concentrandosi in modo particolare sulla definizione precisa di reati e pene irrogabili, sulla protezione e assistenza delle vittime e sull’accesso alla giustizia. In particolare, è disposto che gli Stati membri adottino misure appropriate per contrastare tutte ... Leggi tutto
Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale Disabilità: ecco cosa cambia Maggio 16, 2024 - Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato».  Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, ... Leggi tutto
Decreto Coesione: nuovi incentivi per le assunzioni Maggio 10, 2024 - Il Governo ha adottato il Decreto Legge n. 60 del 7 maggio 2024 (cd. Decreto Coesione) contenente una serie di incentivi volti all’inserimento
 nel
 mondo
 del
 lavoro
 dei
 soggetti più svantaggiati
 in ragione
 dell’età,
 del
 genere e dello stato occupazionale nonché a favorire iniziative imprenditoriali finalizzate anche a ridurre i divari territoriali. Per 
ciascuna
 misura
 ... Leggi tutto