Lavoratori dello spettacolo: arriva l’indennità di discontinuità.

Last Updated on Dicembre 6, 2023

Il 2 dicembre è stato pubblicato, in attuazione della legge delega n. 106/2022, il Decreto legislativo n. 175 del 30 novembre 2023 volto alla revisione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori dello spettacolo mediante l’introduzione, a decorrere dal 1° gennaio 2024, di un’indennità di discontinuità quale misura strutturale e permanente. L’istituto è volto a compensare gli effetti negativi subiti dai lavoratori di tale settore – caratterizzato da alti livelli di frammentarietà e discontinuità della posizione reddituale e contributiva – nei periodi di inattività, di studio e formazione. Per effetto del provvedimento, nel nuovo anno, l’indennità per i lavoratori autonomi dello spettacolo (cd. ALAS) non troverà più applicazione.

Beneficiari e requisiti

L’intervento mira alla protezione sociale delle seguenti categorie di lavoratori iscritti al Fondo pensione dello spettacolo:

  • i lavoratori autonomi;
  • i collaboratori coordinati e continuativi;
  • i lavoratori subordinati a tempo determinato che prestino attività artistica o tecnica, direttamente connessa con la produzione e la realizzazione di spettacoli o, comunque, nel settore dello spettacolo;
  • i lavoratori subordinati a tempo determinato cd. discontinui individuati nel DM del 25 luglio scorso e, propriamente, gli operatori di cabine di sale cinematografiche, gli impiegati amministrativi e tecnici delle imprese esercenti pubblici spettacoli, radiofoniche, televisive, della produzione cinematografica, del doppiaggio e dello sviluppo e stampa, le maschere, i custodi, i guardarobieri, gli addetti alle pulizie e al facchinaggio, gli autisti nonché i lavoratori dipendenti delle imprese di spettacoli viaggianti o esercenti il noleggio e la distribuzione dei film;
  • i lavoratori intermittenti a tempo indeterminato che non siano titolari dell’indennità di disponibilità.

Il richiedente, al momento della presentazione della domanda, deve possedere specifici requisiti anagrafici, economici e contributivi. In particolare, l’istante deve essere cittadino dell’UE o straniero regolarmente soggiornante in Italia e ivi residente da almeno un anno e deve aver conseguito, nell’anno precedente a quello di presentazione della richiesta, un reddito annuo non superiore a 25.000 € e almeno 60 giornate di contribuzione accreditata presso il Fondo pensione di settore.

È, infine, richiesto che il beneficiario non abbia avuto, nell’anno precedente la domanda, un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e non sia titolare di trattamento pensionistico.

Importo, durata e contribuzione

L’indennità di discontinuità giornaliera è pari al 60% della media delle retribuzioni relative all’anno anteriore la presentazione della richiesta in rapporto alle giornate per le quali è stata versata la contribuzione al Fondo pensione ed è riconosciuta per un numero di giornate pari ad 1/3 di quelle accreditate presso tale Fondo. A tal fine non si computano i periodi contributivi che abbiano già dato luogo all’erogazione di altra prestazione.

L’istituto non è cumulabile con le altre misure di sostegno previste nei casi di sospensione o interruzione del rapporto quali, a titolo esemplificativo, la NASpI, la cassa integrazione e le indennità di maternità o di malattia.

La domanda deve essere presentata, con modalità telematiche, all’INPS entro il 30 marzo di ogni anno a pena di decadenza. Per il finanziamento della misura è espressamente previsto che, a decorrere dal 1° gennaio 2024, i datori di lavoro (o i committenti) versino un contributo ordinario pari all’1% dell’imponibile previdenziale e un contributo addizionale pari all’1,10% e i lavoratori corrispondano un contributo di solidarietà pari allo 0,50% dei compensi eccedenti il massimale previdenziale previsto per gli iscritti al Fondo pensione.

In via eccezionale, per i periodi di competenza relativi all’anno 2022, i lavoratori possono presentare la domanda entro il 15 dicembre 2023 e l’indennità è riconosciuta per il 90% (e non 1/3) delle giornate accreditate presso il Fondo nel 2022 e nella misura del 90% (e non 60%) delle retribuzioni.

Formazione e aggiornamento

I beneficiari dell’indennità di discontinuità sono tenuti a partecipare a specifiche iniziative formative e di aggiornamento professionale al fine di agevolare il loro reinserimento nel mondo del lavoro.

Toffoletto De Luca Tamajo è a Vostra disposizione per ogni chiarimento.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Garante privacy: regole restrittive per la conservazione delle email dei dipendenti Garante privacy: regole restrittive per la conservazione delle email dei dipendenti Febbraio 14, 2024 - Il Garante della privacy introduce modalità restrittive per la gestione della posta elettronica dei lavoratori che rischiano di creare rilevanti problemi organizzativi e gestionali alle imprese. Nel provvedimento è previsto che i datori di lavoro (pubblici e privati) che utilizzino programmi e servizi informatici per la gestione dell’email dei dipendenti - specialmente se forniti in modalità cloud o as-a-service – possano conservare i metadati (giorno, ora, mittente, destinatario, oggetto e dimensione) dei messaggi di posta elettronica fino ad un massimo di 7 giorni, estensibili - in presenza di comprovate esigenze - di ulteriori 48 ore. Quali soluzioni organizzative adottare?
Sicurezza informatica. L’impatto dello smart working Sicurezza informatica. L’impatto dello smart working Febbraio 5, 2024 - In un mondo sempre più digitalizzato e connesso la sicurezza informatica è diventata di fondamentale importanza. La sicurezza informatica aziendale consiste nella salvaguardia dell’integrità, della riservatezza e della disponibilità di dati e informazioni che vengono gestiti direttamente da un’impresa ed è indispensabile sia per consentire la continuità dell’attività, preclusa in caso di attacco informatico, che per tutelare il know-how aziendale e le informazioni personali dei dipendenti. Le questioni attinenti alla sicurezza informatica sono molteplici e coinvolgono anche il diritto del lavoro. Vediamo insieme in che termini.
Bonus Mamme L’esonero contributivo per le lavoratrici madri Bonus Mamme, l’esonero contributivo per le lavoratrici madri Febbraio 5, 2024 - La legge di bilancio per il 2024 (L 213/2023) ha introdotto, con i commi 180 e 181, un esonero contributivo a favore delle lavoratrici madri di tre o più figli, dipendenti a tempo indeterminato, valido dal 2024 al 2026. L’esonero, in via sperimentale, è stato esteso nel 2024, anche alle madri di due figli.  Il 31 gennaio 2024 INPS ha pubblicato la circolare 27 con cui dettaglia le modalità per rendere operativa la misura. Vediamo come.
Il diritto di critica del dipendente ai tempi dei social Il diritto di critica del dipendente ai tempi dei social Gennaio 29, 2024 - Nell’era dei social network anche le imprese si trovano a dover fare i conti con i rischi per l’immagine e la riservatezza derivanti dall’uso improprio di tali strumenti da parte dei dipendenti. È per questo motivo che sempre più spesso le società fanno ricorso alla social media policy, strumento idoneo a sensibilizzare e informare i collaboratori circa le conseguenze di un uso poco attento degli account social. Numerosi sono, infatti, i casi in cui la giurisprudenza ha confermato la legittimità del licenziamento disciplinare di dipendenti che hanno pubblicato post offensivi e diffamatori nei confronti del datore di lavoro.