Lavoro e disabilità: a che punto siamo

Last Updated on Dicembre 13, 2023

L’inclusione sociale e lavorativa delle persone con disabilità è un obiettivo della Strategia europea per i diritti delle persone con disabilità 2021- 2030. 

In particolare, con la Legge n. 227/2021, il Parlamento ha delegato il Governo ad adottare, entro marzo 2024, provvedimenti normativi per la revisione e il riordino delle disposizioni vigenti in materia di disabilità.  Al riguardo, ad oggi [ottobre 2023, ndr], è stata resa nota dal Consiglio dei Ministri (nelle riunioni del 1° maggio e 17 luglio 2023) l’approvazione, in esame preliminare, di due decreti legislativi relativi:

1) alla riqualificazione dei servizi pubblici in materia di inclusione e accessibilità alle amministrazioni da parte delle persone con disabilità, anche mediante l’introduzione di una figura dirigenziale presso ciascun ente, con il compito di individuare le modalità e le azioni dirette a realizzare la predetta accessibilità;  

2) all’istituzione di un Garante nazionale delle disabilità per promuovere e tutelare i diritti dei disabili nonché contrastare i fenomeni di discriminazione.

Con il DM n. 43 del 11 marzo 2022 sono state, poi, adottate le Linee Guida in materia di collocamento mirato. Il provvedimento rappresenta uno strumento di indirizzo e coordinamento a livello nazionale ed è volto a definire i seguenti principî

  • la promozione di una rete integrata di servizi socio-sanitari, educativi e formativi nonché di accordi territoriali con le organizzazioni, sindacali e non, per favorire l’inclusione dei disabili;
  • la valutazione della disabilità sulla base di fattori biologici, psicologici e sociali;
  • l’analisi delle caratteristiche dei posti di lavoro da assegnare ai disabili. In tal senso sono individuati, a titolo esemplificativo, gli accomodamenti ragionevoli che il datore di lavoro è tenuto ad adottare tra cui si annovera il lavoro agile;  
  • l’istituzione all’interno delle imprese di un responsabile dell’inserimento lavorativo dei disabili (cd. disability manager).

In attuazione delle citate Linee Guida, nell’ottica di favorire l’innalzamento degli standard di gestione del sistema del collocamento mirato, il Ministero del lavoro l’11 settembre scorso ha definito, con Decreto Direttoriale n. 154, le modalità di realizzazione di un’apposita piattaforma informatica sulla quale condividere le «buone pratiche» in materia di disabilità. Si tratta di progetti, metodi, approcci e strategie attuate dalle imprese, dalle organizzazioni del terzo settore, dai sindacati nonché dagli enti pubblici e privati per favorire l’inserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità, la cui raccolta sistematica consente la disponibilità su tutto il territorio nazionale di modelli replicabili.

La valutazione delle prassi è rimessa ad un Gruppo di lavoro permanente (da istituirsi) che la effettuerà con cadenza quadrimestrale e, in caso di esito positivo, le esperienze saranno pubblicate in una sezione ad hoc del sito del Ministero del lavoro. 

Il nostro Studio è a disposizione per fornire alle imprese l’assistenza necessaria.

Il tempo-tuta va retribuito solo se c’è eterodirezione Maggio 28, 2024 - Le imprese hanno apprezzato gli innegabili vantaggi del ricorso allo smart working. Dalla maggiore flessibilità e dalla possibilità di conciliare meglio le esigenze di vita privata con quelle lavorative spesso derivano, infatti, l’incremento della produttività dei lavoratori e la riduzione del tasso di assenteismo. Diversi sono i profili di interesse per le imprese quando si tratta di lavoro agile, ma nel presente approfondimento ci soffermeremo sul diritto alla disconnessione del dipendente, tema di cui si sta occupando anche il legislatore comunitario.
Violenza contro le donne: pubblicata la Direttiva Maggio 27, 2024 - È stata pubblicata la Direttiva n. 1385 del 14 maggio 2024 «sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica». Scopo del provvedimento è combattere efficacemente il fenomeno, ancora purtroppo molto diffuso, della violenza di genere, concentrandosi in modo particolare sulla definizione precisa di reati e pene irrogabili, sulla protezione e assistenza delle vittime e sull’accesso alla giustizia. In particolare, è disposto che gli Stati membri adottino misure appropriate per contrastare tutte ... Leggi tutto
Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale Disabilità: ecco cosa cambia Maggio 16, 2024 - Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato».  Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, ... Leggi tutto
Decreto Coesione: nuovi incentivi per le assunzioni Maggio 10, 2024 - Il Governo ha adottato il Decreto Legge n. 60 del 7 maggio 2024 (cd. Decreto Coesione) contenente una serie di incentivi volti all’inserimento
 nel
 mondo
 del
 lavoro
 dei
 soggetti più svantaggiati
 in ragione
 dell’età,
 del
 genere e dello stato occupazionale nonché a favorire iniziative imprenditoriali finalizzate anche a ridurre i divari territoriali. Per 
ciascuna
 misura
 ... Leggi tutto