Rifinanziato il Fondo per la creazione di nuove competenze digitali e green

Last Updated on Novembre 7, 2022

Il Fondo Nuove Competenze è stato istituito dall’art. 88 del DL 34/2020 (c.d. Rilancio) per consentire alle imprese, mediante la sottoscrizione di intese collettive (a livello aziendale o territoriale), di rimodulare l’orario di lavoro per destinarne una parte all’aggiornamento professionale dei lavoratori.

Lo strumento è stato oggetto di interessanti modifiche da parte del DL 146/2021 (c.d. Fiscale) che ha rimesso all’adozione di un Decreto interministeriale ad hoc l’individuazione delle imprese destinatarie della misura, la determinazione degli oneri finanziabili nonché la definizione delle caratteristiche dei progetti formativi. 

Il 3 novembre il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze – ha pubblicato sul proprio sito il Decreto del 22 settembre 2022.

In primo luogo, il provvedimento ricorda che il Fondo è stato rifinanziato per 1 miliardo di euro al fine di sostenere gli oneri connessi ai progetti formativi oggetto di accordi sindacali sottoscritti entro il 31 dicembre 2022, da realizzarsi anche nel 2023. In tal senso, è previsto che il Fondo copra i costi del 60% della retribuzione oraria delle ore destinate alla formazione e del 100% dei relativi contributi previdenziali e assistenziali, inclusa la parte a carico del lavoratore. La quota retributiva rimborsata dal Fondo è, invece, pari al 100% qualora vi siano accordi che prevedano, oltre alla rimodulazione dell’orario di lavoro, anche una sua riduzione (per almeno un triennio) a parità di retribuzione. 

Possono accedere al Fondo le aziende che avvertano la necessità di un aggiornamento professionale dei lavoratori a seguito: a) della transizione digitale ed ecologica (e.g. processi volti all’efficientamento energetico, all’uso di fonti sostenibili e alla riduzione degli sprechi); b) della sottoscrizione di accordi di sviluppo per progetti di interesse strategico o c) del ricorso al Fondo per il sostegno alla transizione industriale di cui alla Legge di Bilancio 2022.

Con specifico riferimento alla formazione è richiesto che i progetti abbiano per ciascun lavoratore una durata variabile da un minimo di 40 a un massimo di 200 ore e siano riconosciuti nell’ambito di specifiche classificazioni internazionali (es. DGCOMP per le competenze digitali ed ESCO per quelle connesse alla transizione ecologica). L’acquisizione di tali competenze al termine dei percorsi formativi dovrà essere certificata.
L’attività di formazione è, di norma, finanziata dai Fondi paritetici interprofessionali. L’azienda non può essere soggetto erogatore della formazione che deve essere svolta con il concorso di un ente accreditato a livello nazionale o regionale.

La gestione operativa del Fondo resta di competenza dell’ANPAL, cui ora spetta la pubblicazione di un avviso che consentirà alle imprese di candidare i loro progetti. Attenzione, quindi, all’emissione di tale provvedimento considerato che il termine per la sottoscrizione degli accordi collettivi è fine anno.

In tale prospettiva il Fondo Nuove Competenze – in linea con quanto previsto dal PNRR – rappresenta un’utile misura per rafforzare il sistema della formazione professionale, difendere l’occupabilità dei lavoratori e far crescere la produttività delle aziende.

Lo Studio è a disposizione per aiutarVi ad utilizzare nei brevi tempi previsti questo interessante strumento. 

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Parità di genere: al via la presentazione del Rapporto biennale Giugno 6, 2024 - Il Rapporto biennale contenente i dati relativi alla parità di genere per il biennio 2022/2023 può essere compilato dal 4 giugno al 15 luglio 2024, secondo le nuove modalità definite dal Ministero del lavoro ed illustrate in una Guida Operativa appositamente predisposta. Sul portale istituzionale del Ministero, «Servizi Lavoro» è reso, infatti, disponibile il nuovo applicativo informatico realizzato al fine di semplificare la compilazione e la trasmissione del Rapporto sulla situazione del ... Leggi tutto
Il tempo-tuta va retribuito solo se c’è eterodirezione Maggio 28, 2024 - Il c.d. tempo-tuta è il tempo che il lavoratore impiega per indossare e dismettere un determinato abbigliamento richiesto sul luogo di lavoro.  Il tempo-tuta rientra nell’orario di lavoro?  Si tratta della domanda più frequente sul tema in quanto strettamente connessa alla questione della retribuibilità dei tempi di vestizione dei lavoratori. La risposta a questa domanda - come vedremo a breve - è che tutto dipende dalla sussistenza o meno dell’eterodirezioneovvero dall’imposizione di tempi, modi e luogo della vestizione/dismissione della divisa.
Violenza contro le donne: pubblicata la Direttiva Maggio 27, 2024 - È stata pubblicata la Direttiva n. 1385 del 14 maggio 2024 «sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica». Scopo del provvedimento è combattere efficacemente il fenomeno, ancora purtroppo molto diffuso, della violenza di genere, concentrandosi in modo particolare sulla definizione precisa di reati e pene irrogabili, sulla protezione e assistenza delle vittime e sull’accesso alla giustizia. In particolare, è disposto che gli Stati membri adottino misure appropriate per contrastare tutte ... Leggi tutto
Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale Disabilità: ecco cosa cambia Maggio 16, 2024 - Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato».  Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, ... Leggi tutto