Disabilità: ecco cosa cambia

Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato». 

Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, in linea con i principî della Convenzione ONU del 13 dicembre 2006, introduce una nuova concezione di disabilità non derivante più dalla mera visione medica dell’impedimento determinato dalla patologia, ma intesa quale ostacolo o limite alla partecipazione nei diversi contesti di vita. L’obiettivo generale del provvedimento è, dunque, quello di analizzare e disciplinare la disabilità secondo una duplice prospettivaindividuale relazionale ovvero di interazione con l’ambiente. 

In tal senso, sotto il profilo definitorio, per restituire dignità e centralità al disabile, ovunque compaiano nella normativa vigente i termini «handicap» e «persona handicappata/portatore di handicap» sono rimossi e sostituiti, rispettivamente, con «condizione di disabilità» e «persona con disabilità». 

Con riferimento all’aspetto procedurale, è disposta la riunificazione e la semplificazione degli accertamenti esistenti (ivi incluso quello ai fini dell’inclusione lavorativa ai sensi della legge n. 68/1999) entro un’unica procedura valutativa di base affidata in via esclusiva all’Inps. A tale accertamento può oggi conseguire anche la tutela dell’accomodamento ragionevole. L’istituto, già previsto nell’ordinamento interno dal D.Lgs. n. 216/2003 (attuativo della Direttiva 78/2000 per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro), viene espressamente introdotto nella Legge quadro sui disabili. Infatti, il nuovo art. 5-bis della Legge n. 104/92 dispone che la persona con disabilità possa proporre, con apposita istanza scritta alla PA, ai concessionari di pubblici servizi e ai soggetti privati, l’adozione di un accomodamento ragionevole, anche formulando una proposta. Con tale espressione ci si riferisce alle modifiche e agli adattamenti necessari e appropriati che non impongono un onere sproporzionato o eccessivo adottati, ove ve ne sia necessità, per garantire alle persone con disabilità il godimento e l’esercizio, in condizioni di uguaglianza con gli altri, dei diritti civili e sociali. Nel caso di diniego da parte di un soggetto privato, l’istante e le associazioni legittimate, ferma restando la facoltà di agire in giudizio, possono chiedere al Garante nazionale dei diritti delle persone con disabilità, istituito con il D.Lgs. n.  20/2024 (v. la nostra newsflash «Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale» del 14.03.2024),di verificare l’esistenza di una discriminazione.

Il provvedimento si conclude con la disciplina della valutazione multidimensionale della persona con disabilità, volta alla redazione e all’attuazione di un «progetto di vita individuale» ovvero uno strumento personalizzato che ha l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale e la partecipazione nei diversi ambiti di vita.

Il Decreto entrerà in vigore il 30 giugno 2024, ma talune disposizioni si applicheranno a decorrere dal 1° gennaio 2025

Toffoletto De Luca Tamajo è a Vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Parità di genere: al via la presentazione del Rapporto biennale Giugno 6, 2024 - Il Rapporto biennale contenente i dati relativi alla parità di genere per il biennio 2022/2023 può essere compilato dal 4 giugno al 15 luglio 2024, secondo le nuove modalità definite dal Ministero del lavoro ed illustrate in una Guida Operativa appositamente predisposta. Sul portale istituzionale del Ministero, «Servizi Lavoro» è reso, infatti, disponibile il nuovo applicativo informatico realizzato al fine di semplificare la compilazione e la trasmissione del Rapporto sulla situazione del ... Leggi tutto
Il tempo-tuta va retribuito solo se c’è eterodirezione Maggio 28, 2024 - Il c.d. tempo-tuta è il tempo che il lavoratore impiega per indossare e dismettere un determinato abbigliamento richiesto sul luogo di lavoro.  Il tempo-tuta rientra nell’orario di lavoro?  Si tratta della domanda più frequente sul tema in quanto strettamente connessa alla questione della retribuibilità dei tempi di vestizione dei lavoratori. La risposta a questa domanda - come vedremo a breve - è che tutto dipende dalla sussistenza o meno dell’eterodirezioneovvero dall’imposizione di tempi, modi e luogo della vestizione/dismissione della divisa.
Violenza contro le donne: pubblicata la Direttiva Maggio 27, 2024 - È stata pubblicata la Direttiva n. 1385 del 14 maggio 2024 «sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica». Scopo del provvedimento è combattere efficacemente il fenomeno, ancora purtroppo molto diffuso, della violenza di genere, concentrandosi in modo particolare sulla definizione precisa di reati e pene irrogabili, sulla protezione e assistenza delle vittime e sull’accesso alla giustizia. In particolare, è disposto che gli Stati membri adottino misure appropriate per contrastare tutte ... Leggi tutto
Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale Disabilità: ecco cosa cambia Maggio 16, 2024 - Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato».  Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, ... Leggi tutto