ESG: E Se il Giuslavoro contasse?

L’ESG è certamente diventato l’acronimo più presente nei mass media, ma di cosa si tratta effettivamente?

ESG è l’acronimo delle parole: “Environmental” ovvero aspetti legati alla sostenibilità ambientale; “Social” ovvero aspetti sociali e lavoristici; “Governance” ovvero aspetti riconducibili al sistema di amministrazione e “governo” aziendale. Quindi, l’ESG è un sistema di rating che valuta il profilo di sostenibilità delle società in relazione alle tematiche menzionate. Con riferimento specifico all’ambito “Social”, tra gli indicatori presi in considerazione possono menzionarsi i seguenti: 

  • rispetto degli standard lavorativi riconosciuti nonché di tutte le norme in tema di sicurezza e tutela della salute sul luogo di lavoro; 
  • libertà sindacale e di riunione;
  • remunerazione adeguata, condizioni eque sul posto di lavoro, diversità, inclusione e opportunità di formazione;
  • sviluppo da parte delle società di progetti di controllo delle “supply chain” ed ulteriori progetti inclusivi concernenti gli interessi delle comunità e delle minoranze sociali.

L’Italia ha iniziato da poco a muovere i primi passi in materia di “ESG” e un primo forte segnale in tal senso è stata la modifica degli articoli 9 e 41 della Costituzione a far data dal 9 marzo 2022, con la quale sono stati introdotti i principî della protezione dell’ambiente, della biodiversità e dell’ecosistema, anche nell’interesse delle future generazioni.

Altri chiari esempi in tale direzione sono gli investimenti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza fra i quali vi sono: «Rivoluzione verde e transizione ecologica», «Infrastrutture per una mobilità sostenibile» nonché «Inclusione e coesione». 

Le tematiche “Social” e gli incentivi previsti dallo Stato in tale ambito non sono stati ancora completamente delineati, ma fra quelli attualmente presenti si segnala la c.d. “certificazione rosa”; ovvero la certificazione per la parità di genere (ex art. 46bis del Codice delle pari opportunità tra uomo e donna), istituita a decorrere dal 1° gennaio 2022. Tale certificazione attesta l’efficacia delle politiche e delle misure adottate dal datore di lavoro al fine di ridurre il gap di genere relativo alle opportunità di crescita in azienda, la parità salariale e la tutela della maternità.

I benefici economici per le imprese che hanno soddisfatto i parametri per la certificazione consisteranno soprattutto in un parziale esonero dalla contribuzione previdenziale nonché in un miglior punteggio in sede di valutazione per l’ottenimento di fondi o la partecipazione a bandi di gara.

Tale certificazione è ottenibile non solo dalle aziende soggette all’obbligo di redazione del rapporto sulla situazione del personale, bensì anche dalle aziende di piccole dimensioni che su base facoltativa redigono tale rapporto. Per tale motivo, con l’espansione ed implementazione del fenomeno ESG, non bisogna cadere nell’errore che tale tematica interessi solo le grandi imprese, ma anzi gli incentivi previsti possono e devono essere una grande occasioni di crescita per le piccole-medie imprese.

Gli impatti dell’ESG in azienda: ambiente ma non solo

Pertanto, per non farsi trovare impreparate, le società si stanno già muovendo per adottare delle policy, che siano in linea con i parametri ESG, e degli investimenti volti a rendere il più sostenibile possibile il proprio impatto sociale ed ambientale. Il gioco d’anticipo che si sta portando avanti, provando a prevedere l’indirizzo futuro degli ESG, consiste nelle implementazioni di policy volte alla tutela dei lavoratori ed al miglioramento del luogo di lavoro stesso nonché dell’ambiente, fra queste sicuramente vi rientrano: 

  • Diversity & Inclusion policy;
  • Ageing policy; 
  • Mobbing policy;
  • Green policy;
  • Anti-harassment policy;
  • Whistleblowing.

Diritto del lavoro ed ESG: cosa possiamo fare per le aziende?

In tale ambito, Toffoletto De Luca Tamajo assiste i propri clienti nel percorso di soddisfacimento dei parametri riferibili alla parte Social di ESG. 

Fra le attività che possiamo svolgere per i clienti, vi sono: 

  • audit sulle prassi e sulle policy aziendali già presenti;
  • aggiornamento delle policy nonché individuazione e predisposizione di nuove policy utili al soddisfacimento degli obiettivi ESG;
  • training ad hoc da parte dei nostri esperti per le funzioni coinvolte (HR, Legal, Internal Auditing) su temi ESG e sulle policy delle società.

Di: Avv. Ornella Patané e Avv. Lea Rossi

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it

Covid e sicurezza sul lavoro – cosa cambia per le imprese dal 1° luglio Luglio 1, 2022 - Aggiornato il Protocollo condiviso anti-contagio sui luoghi di lavoro Come preannunciato nel Comunicato del Ministero del lavoro del 4 maggio scorso il Governo e le Parti sociali hanno rispettato il loro appuntamento: ieri è stato aggiornato il Protocollo condiviso del 6 aprile 2021 contenente le linee guida per limitare la diffusione del Covid nei luoghi ... Leggi tutto
Le assenze ingiustificate per farsi licenziare vanno equiparate alle dimissioni Giugno 27, 2022 - Accade sempre più frequentemente che il lavoratore manifesti la volontà di cessare il rapporto di lavoro senza dimettersi, ma pretendendo di essere licenziato per non perdere il diritto alla NASpI. Accade altrettanto frequentemente che, qualora l’azienda rifiuti la proposta del dipendente, questi inizi ad assentarsi dal lavoro senza fornire alcuna giustificazione, così da costringere il datore a ... Leggi tutto
50 milioni per finanziare misure di welfare aziendale a favore della genitorialità e del work-life balance Giugno 27, 2022 - “#RiParto” – Percorsi di welfare aziendale per agevolare il rientro al lavoro delle madri, favorire la natalità e il work-life balance” è il Bando appena emanato del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri volto ad agevolare – attraverso il finanziamento di misure di welfare aziendale – il ritorno al lavoro delle lavoratrici ... Leggi tutto
Mancata promozione e perdita di chance Giugno 17, 2022 - La problematica del risarcimento del danno da perdita di chance ricorre frequentemente in ambito lavorativo, specie quando l’azienda organizza le selezioni per l’attribuzione di una qualifica superiore.  Il dipendente che vede sfumare la possibilità di una promozione potrebbe lamentare di aver subito un danno da perdita di chance ovvero un danno derivante dalla perdita della possibilità di conseguire un miglioramento ... Leggi tutto