Fringe Benefit – nuovo limite annuo di non imponibilità e rimborso spese per le utenze domestiche

Il limite di non imponibilità annuo dei beni e servizi erogati dal datore di lavoro ai dipendenti è stato aumentato, per il solo 2022, da euro 258,23 ad euro 600,00 includendo, per la prima volta, le somme erogate o rimborsate dal datore di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche sostenute dai dipendenti. 

Si tratta di due grandi novità in tema di welfare aziendale introdotte dall’ articolo 12 del D.L. 9 agosto 2022, n. 115 (cd. «Decreto Aiuti bis») il quale: 

  • ha esteso anche per l’anno fiscale in corso la temporanea deroga al generale limite annuo di non imponibilità di cui all’art. 51, comma 3 del TUIR – già riconosciuta, seppur per il solo 2020, dall’art. 112, comma 1 del D.L. 104/2020 e successivamente prorogata, limitatamente all’anno 2021, dall’articolo 6- quinquies del D.L. 41/2021, come segnalato con le nostre precedenti Newsflash del 2 settembre 2020 e del 24 maggio 2021 – non raddoppiandolo da euro 258,23 ad euro 516,46 come avvenuto per i due precedenti periodi d’imposta, ma fissandolo ad euro 600,00; 
  • ha esteso la non imponibilità anche alle somme erogate o rimborsate dal datore di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale sostenute dai dipendenti, introducendo, per la prima volta, la possibilità di procedere con la modalità del rimborso nell’ambito dei fringe benefit

Le imprese potranno, dunque, disporre anche quest’anno di uno strumento utile per supportare i propri dipendenti con un contributo – riconosciuto eventualmente anche ad personam e sotto forma di beni e/o servizi – più conveniente, sia per il datore di lavoro che per il lavoratore, considerando la non imponibilità fiscale e contributiva, rispetto ad un’erogazione in denaro. In merito all’erogazione e al rimborso delle spese sostenute per le utenze domestiche, si presume che, al fine della non imponibilità, il datore di lavoro dovrà acquisire e conservare idonea documentazione che attesti l’utilizzo delle somme erogate o rimborsate per lo scopo prefissato. 

Grazie alla novità normativa in questione, i datori di lavoro potranno offrire, a tutti o anche solo ad alcuni dei propri dipendenti, beni o servizi come, ad esempio, buoni spesa, buoni carburante e, per la prima volta, l’erogazione o il rimborso delle spese sostenute per le utenze domestiche, ottimizzando l’impatto fiscale e contributivo del budget aziendale a disposizione. A tal fine, è comunque sempre utile, per le imprese, effettuare preventivamente una mappatura dei beni e dei servizi già formalmente riconosciuti ai dipendenti (e, soprattutto, di quelli di cui gli stessi potrebbero beneficiare inconsapevolmente ma che, nonostante ciò, potrebbero comunque avere rilevanza fiscale): ciò, al fine di evitare di incorrere involontariamente in un superamento del limite annuo di 600,00 euro e di dover, conseguentemente, rendere imponibile ex post l’intero valore dei beni e servizi riconosciuti nell’anno.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Conversione del DL Aiuti-bis: Smart working senza accordo e nuovi diritti Settembre 23, 2022 - La disciplina del lavoro agile è stata incisa da modifiche legislative durante l’iter parlamentare di conversione del DL n. 115/2022 (c.d. Decreto Aiuti-bis). Con un colpo di coda del tutto inaspettato sono state ripristinate le previsioni che hanno caratterizzato il ricorso allo smart working durante la pandemia.  Rivivono sino a fine anno, infatti, le possibilità ... Leggi tutto
Ripetute assenze alla visita fiscale: legittimo il licenziamento Settembre 15, 2022 - Nel caso in cui il dipendente si assenti dal lavoro per malattia è tenuto ad adempiere alcuni obblighi quali: attivarsi per il rilascio del certificato medico attestante lo stato di malattia; essere reperibile in determinate fasce orarie per eventuali visite fiscali di controllo; astenersi da attività che possano pregiudicare lo stato di salute e ritardare il rientro in servizio. Cosa accade nel ... Leggi tutto
Dimissioni: quando è esclusa la giusta causa? Settembre 1, 2022 - Le dimissioni per giusta causa configurano un’ipotesi particolare di dimissione del lavoratore subordinato. Si tratta di un caso in cui il dipendente può recedere dal rapporto in tronco e, dunque, senza obbligo di dare un preavviso al datore di lavoro e con diritto al pagamento da parte di quest’ultimo dell’indennità sostitutiva (sulla recente giurisprudenza in materia di dimissioni ... Leggi tutto
Smart working: definite le modalità semplificate di comunicazione Agosto 23, 2022 - Il Ministero del Lavoro ha pubblicato il Decreto n. 149 del 22 agosto 2022 nel quale definisce le modalità semplificate di comunicazione dello smart working. A seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge di conversione del c.d. DL Semplificazioni (si veda l’art. 41 bis DL n. 73/2022 introdotto dalla Legge n. 122 del 4 ... Leggi tutto