Gender Gap: definiti i parametri per ottenere la certificazione

Un ulteriore tassello si aggiunge alla definizione di un sistema nazionale di certificazione della parità di genere per le imprese: il 1° luglio è stato pubblicato il DPCM del 29 aprile, emanato ai sensi della Legge di Bilancio 2022. Il c.d.  «bollino rosa», rilasciato da organismi accreditati, attesta le politiche virtuose adottate dalle aziende per ridurre il divario uomo-donna occupazionale e di carriera e consente alle stesse di godere di un esonero contributivo e di un punteggio premiale nell’aggiudicazione di appalti e di aiuti di Stato.

Il provvedimento si presenta molto snello e si limita a confermare che i parametri (c.d. KPI – indicatori chiave di prestazione) per ottenere la certificazione sono quelli già individuati nella prassi UNI/PdR 125:2022 del 16 marzo scorso raggruppati in sei aree di interesse (cultura e strategia, governance, processi HR, opportunità di crescita ed inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro; si veda la newsflash del 31 marzo). 

È, inoltre, previsto che per consentire alle RSA e ai consiglieri di parità (territoriali e regionali) di monitorare e verificare il rispetto dei suddetti indicatori, il datore abbia l’onere di redigere annualmente un’informativa che rifletta il grado di adeguamento alla citata prassi. Qualora siano rilevate anomalie, le stesse possono essere segnalate all’organismo che ha rilasciato il «bollino rosa», previa concessione all’impresa di un termine massimo di 120 giorni per uniformarsi. 

Lo Studio è a disposizione per supportare le aziende nell’ottenimento della certificazione e fruire dei relativi benefici.

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Il procedimento disciplinare: la giurisprudenza sull’affissione del codice e sulle giustificazioni Agosto 18, 2022 - Esistono molteplici aspetti del procedimento disciplinare che possono dare luogo a dubbi e ingiuste rivendicazioni da parte dei dipendenti.  Al di là dei principi fondamentali in materia di contestazione disciplinare, quali l’immediatezza, la specificità e l’immutabilità, è bene conoscere anche le altre fasi del procedimento disciplinare, che spesso danno adito a contenziosi. Nel presente articolo ci ... Leggi tutto
Ancora aiuti dal governo Agosto 11, 2022 - Il 9 agosto 2022 è stato pubblicato il c.d. Decreto Aiuti-bis (DL n. 115/2022) che introduce ulteriori misure volte a contrastare gli effetti della crisi energetica e l’aumento del costo della vita. Non trova spazio nel provvedimento, invece, l’attesa proroga (proposta dal Ministro del lavoro Orlando) del diritto allo smart working per i lavoratori fragili ... Leggi tutto
Fringe Benefit – nuovo limite annuo di non imponibilità e rimborso spese per le utenze domestiche Agosto 10, 2022 - Il limite di non imponibilità annuo dei beni e servizi erogati dal datore di lavoro ai dipendenti è stato aumentato, per il solo 2022, da euro 258,23 ad euro 600,00 includendo, per la prima volta, le somme erogate o rimborsate dal datore di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche sostenute dai dipendenti.  Si tratta ... Leggi tutto
Maggiori tutele per la conciliazione vita-lavoro Agosto 4, 2022 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo n. 105 del 30 giugno 2022 che, in attuazione della direttiva (UE) 2019/1158, modifica la disciplina dei congedi con l’obiettivo per i genitori e i prestatori di assistenza di migliorare la conciliazione tra lavoro e vita privata e condividere le responsabilità in ambito familiare. Il provvedimento ... Leggi tutto