In GU la Conversione del DL Ucraina Bis

Interventi anche per il mondo del lavoro nel nuovo pacchetto di misure approvato dal Parlamento per sostenere le aziende alle prese con i contraccolpi determinati dalla guerra russo-ucraina.

La Legge n. 51 del 20 maggio 2022, di conversione del DL n. 21/2022, infatti, oltre a prevedere numerosi provvedimenti per contenere l’aumento dei prezzi dell’energia e dei carburanti, introduce alcune novità anche per i datori e i lavoratori. 

Vediamole nel dettaglio.

Bonus Benzina 2022

Si amplia la platea dei beneficiari: tutti i datori di lavoro privati – e non solo le aziende – possono erogare ai propri dipendenti buoni carburante esentasse fino a un massimo di 200 euro. Per il 2022 detto importo, quindi, non concorre alla formazione del reddito imponibile. 

Staffetta generazionale 

Introdotta una nuova prestazione erogata dai Fondi di solidarietà bilaterali istituiti presso l’Inps. D’ora in poi i lavoratori a cui manchino 3 anni per conseguire la pensione (di vecchiaia o anticipata) possono beneficiare di contributi previdenziali da parte di detti Fondi qualora i rispettivi datori, per favorire il ricambio generazionale, assumano giovani under 35 per un minimo 3 anni.  Per il finanziamento di questa nuova misura è previsto il pagamento a carico esclusivo delle imprese di un contributo straordinario. 

Somministrazione di lavoro

Sino al 30 giugno 2024 niente limiti di durata per le missioni dei lavoratori assunti a tempo indeterminato dalle agenzie . La legge proroga a tale data la previsione in scadenza il 31 dicembre 2022 secondo cui, qualora il contratto tra l’agenzia di somministrazione e il lavoratore sia a tempo indeterminato, questo può essere somministrato, per periodi superiori a 24 mesi (anche non continuativi), senza che ciò determini in capo all’utilizzatore la costituzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Lavoratori autonomi occasionali

Chiarite le modalità operative per l’avvio delle attività dei lavoratori autonomi occasionali: l’obbligo di comunicazione agli organi competenti si intende assolto solo se effettuato con modalità informatiche.

Sono fatte salve le attività autonome occasionali intermediate dalle piattaforme digitali per le quali valgono regole ad hoc.

Centralinisti non vedenti 

Aggiornata la risalente disciplina del collocamento obbligatorio dei centralinisti non vedenti: accanto a tale nozione si affianca quella più ampia di “operatori della comunicazione con qualifiche equipollenti minorati della vista” includendo, dunque, ulteriori ambiti professionali che rappresentano un’evoluzione dell’ormai desueta figura del centralinista telefonico.

Lavoratori marittimi

Nessun nulla osta al lavoro per i marittimi stranieri. Tali soggetti potranno lavorare, per un periodo non superiore a un anno, a bordo della navi ormeggiate nei porti italiani, battenti bandiera anche non europea, solo con il visto di ingresso. 

Misure già in vigore

Fra le misure principali contenute nel provvedimento (si veda newsflash del 22 marzo) ricordiamo:

  • il riconoscimento di ulteriori settimane di trattamenti di integrazione salariale per l’anno 2022 alle imprese che non possano più ricorrervi per esaurimento dei limiti di durata (26 settimane di CIGO e 8 di assegno di integrazione salariale);
  • l’esonero dal versamento del contributo addizionale per le aziende dei settori più colpiti dagli effetti della guerra (e.g. siderurgico, automotive) qualora sospendano o riducano l’attività nel periodo dal 22 marzo al 31 maggio 2022; 
  • lo sgravio contributivo per le assunzioni dei lavoratori licenziati dalle imprese in crisi o impiegati nei rami delle stesse.

Nel suindicato panorama, alquanto eterogeneo, diventa ancora una volta cruciale per le aziende comprendere la portata delle disposizioni per non farsi sfuggire le nuove opportunità. 

Lo Studio è a Vostra disposizione per fornirVi un orientamento adeguato. 

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Covid e sicurezza sul lavoro – cosa cambia per le imprese dal 1° luglio Luglio 1, 2022 - Aggiornato il Protocollo condiviso anti-contagio sui luoghi di lavoro Come preannunciato nel Comunicato del Ministero del lavoro del 4 maggio scorso il Governo e le Parti sociali hanno rispettato il loro appuntamento: ieri è stato aggiornato il Protocollo condiviso del 6 aprile 2021 contenente le linee guida per limitare la diffusione del Covid nei luoghi ... Leggi tutto
Le assenze ingiustificate per farsi licenziare vanno equiparate alle dimissioni Giugno 27, 2022 - Accade sempre più frequentemente che il lavoratore manifesti la volontà di cessare il rapporto di lavoro senza dimettersi, ma pretendendo di essere licenziato per non perdere il diritto alla NASpI. Accade altrettanto frequentemente che, qualora l’azienda rifiuti la proposta del dipendente, questi inizi ad assentarsi dal lavoro senza fornire alcuna giustificazione, così da costringere il datore a ... Leggi tutto
50 milioni per finanziare misure di welfare aziendale a favore della genitorialità e del work-life balance Giugno 27, 2022 - “#RiParto” – Percorsi di welfare aziendale per agevolare il rientro al lavoro delle madri, favorire la natalità e il work-life balance” è il Bando appena emanato del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri volto ad agevolare – attraverso il finanziamento di misure di welfare aziendale – il ritorno al lavoro delle lavoratrici ... Leggi tutto
Mancata promozione e perdita di chance Giugno 17, 2022 - La problematica del risarcimento del danno da perdita di chance ricorre frequentemente in ambito lavorativo, specie quando l’azienda organizza le selezioni per l’attribuzione di una qualifica superiore.  Il dipendente che vede sfumare la possibilità di una promozione potrebbe lamentare di aver subito un danno da perdita di chance ovvero un danno derivante dalla perdita della possibilità di conseguire un miglioramento ... Leggi tutto