L’Agenzia delle Entrate chiarisce la disciplina IVA applicabile ai voucher utilizzabili per il welfare aziendale

Con la risposta ad interpello n. 10 del 23/01/2020 dell’Agenzia delle Entrate è stata chiarita la disciplina IVA applicabile ai documenti di legittimazione in formato cartaceo o elettronico (c.d. voucher) che le piattaforme welfare emettono – in virtù di un mandato senza rappresentanza – in favore dei dipendenti delle società clienti per consentire agli stessi di usufruire dei beni e dei servizi di cui ai commi 2 e 3 dell’articolo 51 del TUIR, acquistati dai propri fornitori convenzionati. 

Secondo l’Agenzia delle Entrate, all’atto dell’emissione del buono – da considerarsi corrispettivo ai sensi dell’articolo 6 bis del DPR 633/72 – ciascun fornitore deve fatturare la transazione al provider welfare che, a sua volta, deve trasferire al datore di lavoro gli effetti giuridici relativi all’acquisto del bene o del servizio oggetto del voucher, “ribaltando al datore di lavoro l’operazione di acquisto, così come previsto nel mandato senza rappresentanza. 

In questa operazione di ribaltamento, il provider welfare deve, secondo quanto previsto dalla normativa applicabile al mandato senza rappresentanza, applicare il medesimo inquadramento Iva del bene o della prestazione applicati dal fornitore convenzionato. Ciò in quanto, nell’ambito del mandato senza rappresentanza, opera una totale equiparazione, dal punto di vista oggettivo, dei servizi resi o ricevuti dal mandatario (il provider welfare) e quelli da lui resi al mandante (il datore di lavoro). Tale equiparazione non è prevista nel caso in cui il trattamento Iva dipenda dalla natura soggettiva del fornitore (ad esempio i contribuenti in regime forfetario o le associazioni sportive): in tali situazioni il provider welfare dovrà applicare l’Iva ordinaria ai propri clienti.

Da un punto di vista pratico, è quindi opportuno che le società che si affidano ai provider welfare per la gestione dei propri piani di welfare verifichino che i documenti fiscali che ricevono siano coerenti rispetto ai criteri illustrati dall’Agenzia delle Entrate.

Chi posso contattare per saperne di più?

Restiamo a disposizione per eventuali ulteriori approfondimenti.

Potete contattare l’Avv. Donatella Cungi, Partner dello Studio e Responsabile del team dedicato al Welfare Aziendale e il Dott. Diego Paciello, Responsabile dell’area Fiscale, Welfare e Compensation&Benefits agli indirizzi sdc@toffolettodeluca.it o stax@toffolettodeluca.it.

Ancora aiuti dal governo Agosto 11, 2022 - Il 9 agosto 2022 è stato pubblicato il c.d. Decreto Aiuti-bis (DL n. 115/2022) che introduce ulteriori misure volte a contrastare gli effetti della crisi energetica e l’aumento del costo della vita. Non trova spazio nel provvedimento, invece, l’attesa proroga (proposta dal Ministro del lavoro Orlando) del diritto allo smart working per i lavoratori fragili ... Leggi tutto
Fringe Benefit – nuovo limite annuo di non imponibilità e rimborso spese per le utenze domestiche Agosto 10, 2022 - Il limite di non imponibilità annuo dei beni e servizi erogati dal datore di lavoro ai dipendenti è stato aumentato, per il solo 2022, da euro 258,23 ad euro 600,00 includendo, per la prima volta, le somme erogate o rimborsate dal datore di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche sostenute dai dipendenti.  Si tratta ... Leggi tutto
Maggiori tutele per la conciliazione vita-lavoro Agosto 4, 2022 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo n. 105 del 30 giugno 2022 che, in attuazione della direttiva (UE) 2019/1158, modifica la disciplina dei congedi con l’obiettivo per i genitori e i prestatori di assistenza di migliorare la conciliazione tra lavoro e vita privata e condividere le responsabilità in ambito familiare. Il provvedimento ... Leggi tutto
Non è discriminatorio il licenziamento del disabile per superamento del periodo di comporto Agosto 4, 2022 - Un tema spesso trattato dalla giurisprudenza di merito è quello della computabilità (o meno) nel periodo di comporto delle assenze per malattia riconducibili all’invalidità del dipendente. In un contesto di grande incertezza si distinguono alcune recenti pronunce di merito che, sulla base di un ragionamento chiaro ed equilibrato, escludono la discriminazione indiretta nella scelta del datore di computare nel periodo di ... Leggi tutto