In arrivo il bonus di 200 euro

Il Decreto Aiuti (DL n. 50/2022), pubblicato il 17 maggio, riconosce ai dipendenti e a svariate categorie di soggetti, dai pensionati ai disoccupati, l’incentivo una tantum di 200 euro erogato in ogni caso dall’Inps per sostenere le famiglie alle prese con l’aumento dei prezzi generati dalla guerra in Ucraina. Per scoprire, invece, il tipo di contributo che verrà erogato agli autonomi e professionisti bisognerà attendere un decreto ministeriale ad hoc che sarà messo appunto nel prossimo mese.

In breve i requisiti e le modalità per ottenere il nuovo bonus.

Lavoratori dipendenti 

Potranno godere dell’incentivo i dipendenti con una retribuzione annuale non superiore a 35mila euro per i quali la Legge di Bilancio 2022 ha riconosciuto un esonero sulla quota dei contributi previdenziali a loro carico dello 0,8 %.

Tale importo è corrisposto per il tramite del datore nella retribuzione del mese di luglio in via automatica e sarà poi recuperato, mediante compensazione, in sede di versamento delle imposte e dei contributi. 

Il bonus spetta una sola volta, anche se si è titolari di più rapporti di lavoro, non è pignorabile e non costituisce reddito imponibile. 

Altre categorie di lavoratori

Incentivo, a domanda, anche per i lavoratori:

  • stagionali a tempo determinato e intermittenti che nel 2021 abbiano svolto la prestazione per almeno 50 giornate dalle quali abbiano ricavato un reddito non superiore a 35mila euro;
  • dello spettacolo che nel 2021 abbiano almeno 50 contributi giornalieri versati al relativo Fondo pensione e un reddito non superiore a 35mila euro;
  • domestici che risultino titolari di rapporti di lavoro al 18 maggio 2022.

In via automatica, invece, il medesimo importo di 200 euro è riconosciuto dall’Inps ai lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport che abbiano ottenuto le indennità previste dai decreti per l’emergenza da Covid-19.

Lavoratori autonomi

Possono richiedere all’Inps l’una tantum anche:

  • i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa con contratto in essere che nel 2021 abbiano percepito un reddito non superiore a 35mila euro;
  • i lavoratori autonomi occasionali senza partita iva per i quali risulti almeno un contributo mensile per il 2021;
  • gli incaricati alle vendite a domicilio con reddito nel 2021 superiore a 5mila euro e titolari di partita Iva attiva.

Percettori di RdC e disoccupati

Destinatari d’ufficio del bonus anche i soggetti senza lavoro e, propriamente, i percettori:

  • di Naspi e Dis-Coll a giugno 2022;
  • dell’indennità di disoccupazione agricola nel 2022;
  • del reddito di cittadinanza, a condizione che nel nucleo beneficiario non ci siano soggetti già percettori dell’incentivo in questione.

Pensionati

Pensione più ricca a luglio anche per i titolari (con decorrenza dal 30 giugno) del trattamento pensionistico o di altra prestazione previdenziale, con reddito non superiore a 35mila euro nel 2021. L’indennità è corrisposta in via automatica dall’Inps una sola volta, anche nel caso in cui il soggetto svolga attività lavorativa.

Covid e sicurezza sul lavoro – cosa cambia per le imprese dal 1° luglio Luglio 1, 2022 - Aggiornato il Protocollo condiviso anti-contagio sui luoghi di lavoro Come preannunciato nel Comunicato del Ministero del lavoro del 4 maggio scorso il Governo e le Parti sociali hanno rispettato il loro appuntamento: ieri è stato aggiornato il Protocollo condiviso del 6 aprile 2021 contenente le linee guida per limitare la diffusione del Covid nei luoghi ... Leggi tutto
Le assenze ingiustificate per farsi licenziare vanno equiparate alle dimissioni Giugno 27, 2022 - Accade sempre più frequentemente che il lavoratore manifesti la volontà di cessare il rapporto di lavoro senza dimettersi, ma pretendendo di essere licenziato per non perdere il diritto alla NASpI. Accade altrettanto frequentemente che, qualora l’azienda rifiuti la proposta del dipendente, questi inizi ad assentarsi dal lavoro senza fornire alcuna giustificazione, così da costringere il datore a ... Leggi tutto
50 milioni per finanziare misure di welfare aziendale a favore della genitorialità e del work-life balance Giugno 27, 2022 - “#RiParto” – Percorsi di welfare aziendale per agevolare il rientro al lavoro delle madri, favorire la natalità e il work-life balance” è il Bando appena emanato del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri volto ad agevolare – attraverso il finanziamento di misure di welfare aziendale – il ritorno al lavoro delle lavoratrici ... Leggi tutto
Mancata promozione e perdita di chance Giugno 17, 2022 - La problematica del risarcimento del danno da perdita di chance ricorre frequentemente in ambito lavorativo, specie quando l’azienda organizza le selezioni per l’attribuzione di una qualifica superiore.  Il dipendente che vede sfumare la possibilità di una promozione potrebbe lamentare di aver subito un danno da perdita di chance ovvero un danno derivante dalla perdita della possibilità di conseguire un miglioramento ... Leggi tutto