Smart working – la mappa delle novità

Nuove tutele per i fragili e proroga dello smart working semplificato. Sono queste le principali novità previste nella Legge n. 52 del 19 maggio 2022 di conversione, con modificazioni, del Decreto n. 24/2022 (cd. Decreto Riaperture). 

Malgrado lo stato di emergenza sia cessato lo scorso 31 marzo, il legislatore continua ad avvalersi del lavoro agile quale fondamentale misura anti-contagio prevedendo per i prossimi mesi la seguente timeline:

30 giugnoDiritto dei genitori disabili gravi o con Bes  Diritto dei lavoratori disabili gravi e immunodepressi
31 luglioDiritto dei genitori under 14 Diritto dei lavoratori ritenuti a rischio di contagio dal medico      competente 
31 agostoRicorso senza accordo per tutti i lavoratori privati Comunicazioni semplificate

Di seguito il dettaglio delle disposizioni in vigore

Semplificazione 

Come accade dall’inizio della pandemia i datori di lavoro potranno, sino al 31 agosto, ricorrere al lavoro agile anche in assenza degli accordi individuali con le medesime modalità di comunicazione semplificata sinora applicate: invio telematico dei soli nominativi dei lavoratori coinvolti (con indicazione delle date di inizio e fine della prestazione) nonché adempimento via mail degli obblighi di informativa in materia di sicurezza.

Lavoratori fragili

Maggiormente esposti a rischio

Prorogato al 31 luglio 2022 il diritto allo sw per i lavoratori che siano accertati dal medico competente come maggiormente esposti a rischio di contagio in ragione dell’età o dell’immunodepressione, derivante da patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o, comunque, da comorbilità.

In coerenza con tale diritto i datori sono tenuti, sempre sino al 31 luglio, a garantire a tali soggetti la sorveglianza sanitaria eccezionale ad opera del medico competente o, nei casi in cui non sia obbligatoria la sua nomina, dai medici del lavoro dell’Inail.

Disabili gravi e altre categorie 

Sino al 30 giugno anche i lavoratori disabili gravi o in possesso di certificazione attestante una condizione di rischio (derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dall’esecuzione delle relative terapie salvavita) svolgono di norma la prestazione in modalità agile. Si ricorda che a detti soggetti potranno essere assegnate anche diverse mansioni purché ricomprese nel medesimo inquadramento.

Sempre sino al 30 giugno è prorogata la tutela previdenziale per i lavoratori affetti da patologie altamente invalidanti di cui al D.M. del 4 febbraio 2022 che non possano ricorrere allo smart working.

L’assenza di tali dipendenti è, infatti, equiparata al ricovero ospedaliero con conseguente riconoscimento della relativa prestazione economica:

  • da parte dell’INPS, se assicurati per la malattia presso lo stesso istituto;
  • a carico del datore di lavoro in caso contrario, con diritto di quest’ultimo a un rimborso forfettario annuo di 600 euro.

Genitori 

É previsto il diritto a svolgere la prestazione in modalità agile per i lavoratori genitori di almeno:

  • un figlio minore di anni 14, fino al 31 luglio 2022;
  • un figlio con disabilità grave o con bisogni educativi speciali (c.d. BES), sino al 30 giugno 2022.

In linea generale, per godere del diritto è necessario che lo smart working sia compatibile con le caratteristiche della prestazione e che nel nucleo familiare non vi sia un genitore non lavoratore.

A corredo dell’impianto appena delineato, sempre in tema di smart working, si ricorda che:

  • il 7 dicembre 2021 è stato adottato il Protocollo nazionale sul lavoro in modalità agile che definisce le linee di indirizzo per la contrattazione collettiva di qualsiasi livello, fermo restando il rispetto della normativa vigente e degli accordi già in essere;
  • è stata confermata l’applicazione del Protocollo sulle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19 nei luoghi di lavoro del 6 aprile 2021 che ne raccomanda il massimo utilizzo. 

Dunque, ancora una volta i datori dovranno affrontare scadenze differenziate e ulteriori oneri che complicano la gestione e l’organizzazione del personale.  

Lo Studio è a disposizione delle aziende per coadiuvarle a districarsi nel nuovo panorama normativo.

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Covid e sicurezza sul lavoro – cosa cambia per le imprese dal 1° luglio Luglio 1, 2022 - Aggiornato il Protocollo condiviso anti-contagio sui luoghi di lavoro Come preannunciato nel Comunicato del Ministero del lavoro del 4 maggio scorso il Governo e le Parti sociali hanno rispettato il loro appuntamento: ieri è stato aggiornato il Protocollo condiviso del 6 aprile 2021 contenente le linee guida per limitare la diffusione del Covid nei luoghi ... Leggi tutto
Le assenze ingiustificate per farsi licenziare vanno equiparate alle dimissioni Giugno 27, 2022 - Accade sempre più frequentemente che il lavoratore manifesti la volontà di cessare il rapporto di lavoro senza dimettersi, ma pretendendo di essere licenziato per non perdere il diritto alla NASpI. Accade altrettanto frequentemente che, qualora l’azienda rifiuti la proposta del dipendente, questi inizi ad assentarsi dal lavoro senza fornire alcuna giustificazione, così da costringere il datore a ... Leggi tutto
50 milioni per finanziare misure di welfare aziendale a favore della genitorialità e del work-life balance Giugno 27, 2022 - “#RiParto” – Percorsi di welfare aziendale per agevolare il rientro al lavoro delle madri, favorire la natalità e il work-life balance” è il Bando appena emanato del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri volto ad agevolare – attraverso il finanziamento di misure di welfare aziendale – il ritorno al lavoro delle lavoratrici ... Leggi tutto
Mancata promozione e perdita di chance Giugno 17, 2022 - La problematica del risarcimento del danno da perdita di chance ricorre frequentemente in ambito lavorativo, specie quando l’azienda organizza le selezioni per l’attribuzione di una qualifica superiore.  Il dipendente che vede sfumare la possibilità di una promozione potrebbe lamentare di aver subito un danno da perdita di chance ovvero un danno derivante dalla perdita della possibilità di conseguire un miglioramento ... Leggi tutto