Smart working: procedura ordinaria e comunicazioni massive

A pochi giorni dalla sua nomina, il nuovo Ministro del Lavoro ha comunicato lo slittamento dal 1° novembre al 1° dicembre 2022 del termine entro cui le aziende, che abbiano utilizzato in modo strutturale il lavoro agile, devono adempiere al relativo obbligo di comunicazione.

Si tratta di una misura quantomai opportuna preso atto della mancata implementazione del servizio c.d. «REST» di invio massivo delle comunicazioni di smart working di cui al DM 149/2022.

Già da settembre le impese che ricorrano alla modalità di lavoro agile sulla base di accordi individuali non devono più caricarli sul sito del Ministero del lavoro, essendo richiesta solo l’indicazione dei nomi dei lavoratori interessati, dell’inizio e della fine delle prestazioni e della data di sottoscrizione. In tal senso, le aziende possono utilizzare un apposito applicativo web disponibile sul sito Cliclavoro o, in alternativa, nel caso di elevati numeri di lavoratori agili, il servizio massivo REST a tutt’oggi non operativo. 

Il Ministero ricorda che, ai fini dell’applicazione di detto servizio,  le imprese devono inviare una richiesta di contatto, tramite un form disponibile nell’Urp online ministeriale. 

Attenzione, dunque, alla nuova scadenza considerato che la tardiva od omessa comunicazione dell’avvio dello smart working è soggetta all’applicazione di una sanzione variabile da 100 a 500 euro per singolo lavoratore.

Si ricorda che, sino a fine anno, resta anche la possibilità per il datore di ricorrere al lavoro agile c.d. emergenziale ovvero senza accordo, comunicando i soli nominativi dei dipendenti interessati, unitamente alla data di cessazione della prestazione e adempiendo in via telematica agli obblighi di informativa in materia di sicurezza.

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Nuovo differimento al 1° gennaio per le comunicazioni di smart working Novembre 25, 2022 - Slitta dal 1° dicembre 2022 al 1° gennaio 2023 il termine entro cui le aziende, che ricorrono al lavoro agile sulla base di accordi individuali, devono adempiere ai relativi obblighi di comunicazione.  I datori hanno, dunque, un mese di tempo in più per comunicare i nominativi dei lavoratori interessati, l’inizio e la fine delle prestazioni ... Leggi tutto
Fringe Benefit: fino a 3.000 euro per il 2022 Novembre 21, 2022 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 176 del 18 novembre 2022 (c.d. «Decreto Aiuti-quater») che prevede, sub art. 3, comma 10, limitatamente al periodo d’imposta 2022, l’innalzamento da Euro 600 ad Euro 3.000 del limite annuo di non imponibilità dei beni e dei servizi che i datori di lavoro possono riconoscere ai lavoratori ... Leggi tutto
Conversione Decreto Aiuti-ter: novità per le chiusure aziendali Novembre 18, 2022 - È ancora una volta modificata la disciplina c.d. anti-chiusura prevista dalla Legge di Bilancio 2022, che ha introdotto nuovi obblighi procedurali per i datori di lavoro, con in media almeno 250 dipendenti,  intenzionati a chiudere una sede con conseguente licenziamento di almeno 50 lavoratori. Come noto, da gennaio scorso siffatte imprese, prima dell’avvio di un ... Leggi tutto
Fondo Nuove Competenze 2022: pubblicato l’Avviso Anpal sulle modalità di accesso Novembre 17, 2022 - In attuazione del DM del 3 novembre scorso (v. nostra newsflash) l’Anpal ha pubblicato l’Avviso recante le nuove modalità di accesso al Fondo Nuove Competenze 2022. La dotazione complessiva del Fondo è di 1 miliardo di euro ed è destinata a sostenere le imprese principalmente nei percorsi di sviluppo delle competenze digitali e “green” dei lavoratori, da realizzarsi anche nel 2023. ... Leggi tutto