Tutela della maternità: arrivano le linee guida per le imprese.

Last Updated on Dicembre 11, 2023

Il 7 novembre 2023 è stato presentato dal Ministero per la Famiglia il nuovo «Codice di autodisciplina di imprese responsabili in favore della maternità» che riporta le linee guida per i datori che intendano attuare politiche a sostegno della natalità e della parità di genere.

Il Codice permette alle imprese virtuose di aderire, su base volontaria, ad alcuni principî sulla tutela della genitorialità nei luoghi di lavoro con l’obiettivo di favorire l’ingresso e la permanenza delle donne, di ridurre il fenomeno – ancora molto diffuso – delle dimissioni per maternità e di creare un clima culturale ed economico di collaborazione tra aziende e dipendenti sul delicato tema della maternità.

Il provvedimento individua i tre seguenti «ambiti di comportamento aziendale»:

  1. favorire la continuità di carriera delle madri attraverso il diritto, durante i periodi di astensione dal lavoro, all’informazione continua sull’evoluzione dell’azienda, la formazione mirata al momento del rientro, la piena considerazione della maternità nei percorsi di carriera nonché le analisi di gender pay gap che neutralizzino i periodi di astensione;
  2. curare le condizioni di salute delle madri garantendo campagne di prevenzione e vaccinazione, screening periodici e check-up dedicati alla maternità nonché forme di assistenza sanitaria integrativa;
  3. adattare i tempi e modi di lavoro offrendo la possibilità di congedi e aspettative più lunghi rispetto a quanto previsto dalla legge e dai contratti collettivi, la flessibilità degli orari d’ingresso e d’uscita, il passaggio ad un lavoro part-time, l’utilizzo dello smart working nonché la disponibilità di asili nido e la copertura delle spese per la prima infanzia, l’educazione e l’assistenza domestica.

Un nuovo orizzonte strategico, dunque, per le imprese che intendano perseguire una gestione etica e sostenibile in termini ESG (Environmental, Social e Governance) che, di certo, non può trascurare la tutela della donna con particolare riferimento alla maternità.

Toffoletto De Luca Tamajo è a Vostra disposizione per dare piena attuazione alle nuove linee guida al fine di conseguire efficacemente gli obiettivi connessi al sostegno della genitorialità e del work-life balance.

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Garante privacy: regole restrittive per la conservazione delle email dei dipendenti Garante privacy: regole restrittive per la conservazione delle email dei dipendenti Febbraio 14, 2024 - Il Garante della privacy introduce modalità restrittive per la gestione della posta elettronica dei lavoratori che rischiano di creare rilevanti problemi organizzativi e gestionali alle imprese. Nel provvedimento è previsto che i datori di lavoro (pubblici e privati) che utilizzino programmi e servizi informatici per la gestione dell’email dei dipendenti - specialmente se forniti in modalità cloud o as-a-service – possano conservare i metadati (giorno, ora, mittente, destinatario, oggetto e dimensione) dei messaggi di posta elettronica fino ad un massimo di 7 giorni, estensibili - in presenza di comprovate esigenze - di ulteriori 48 ore. Quali soluzioni organizzative adottare?
Sicurezza informatica. L’impatto dello smart working Sicurezza informatica. L’impatto dello smart working Febbraio 5, 2024 - In un mondo sempre più digitalizzato e connesso la sicurezza informatica è diventata di fondamentale importanza. La sicurezza informatica aziendale consiste nella salvaguardia dell’integrità, della riservatezza e della disponibilità di dati e informazioni che vengono gestiti direttamente da un’impresa ed è indispensabile sia per consentire la continuità dell’attività, preclusa in caso di attacco informatico, che per tutelare il know-how aziendale e le informazioni personali dei dipendenti. Le questioni attinenti alla sicurezza informatica sono molteplici e coinvolgono anche il diritto del lavoro. Vediamo insieme in che termini.
Bonus Mamme L’esonero contributivo per le lavoratrici madri Bonus Mamme, l’esonero contributivo per le lavoratrici madri Febbraio 5, 2024 - La legge di bilancio per il 2024 (L 213/2023) ha introdotto, con i commi 180 e 181, un esonero contributivo a favore delle lavoratrici madri di tre o più figli, dipendenti a tempo indeterminato, valido dal 2024 al 2026. L’esonero, in via sperimentale, è stato esteso nel 2024, anche alle madri di due figli.  Il 31 gennaio 2024 INPS ha pubblicato la circolare 27 con cui dettaglia le modalità per rendere operativa la misura. Vediamo come.
Il diritto di critica del dipendente ai tempi dei social Il diritto di critica del dipendente ai tempi dei social Gennaio 29, 2024 - Nell’era dei social network anche le imprese si trovano a dover fare i conti con i rischi per l’immagine e la riservatezza derivanti dall’uso improprio di tali strumenti da parte dei dipendenti. È per questo motivo che sempre più spesso le società fanno ricorso alla social media policy, strumento idoneo a sensibilizzare e informare i collaboratori circa le conseguenze di un uso poco attento degli account social. Numerosi sono, infatti, i casi in cui la giurisprudenza ha confermato la legittimità del licenziamento disciplinare di dipendenti che hanno pubblicato post offensivi e diffamatori nei confronti del datore di lavoro.