Conversione Decreto Aiuti-ter: novità per le chiusure aziendali

È ancora una volta modificata la disciplina c.d. anti-chiusura prevista dalla Legge di Bilancio 2022, che ha introdotto nuovi obblighi procedurali per i datori di lavoro, con in media almeno 250 dipendenti,  intenzionati a chiudere una sede con conseguente licenziamento di almeno 50 lavoratori.

Come noto, da gennaio scorso siffatte imprese, prima dell’avvio di un licenziamento collettivo, devono in sintesi:

  • inviare ai sindacati, al Ministero del lavoro e agli altri enti istituzionali coinvolti una comunicazione recante le ragioni economiche sottese alla prospettata cessazione;
  • elaborare un piano per limitare le relative ricadute occupazionali ed economiche, da discutere con i soggetti interessati;
  • in caso di raggiungimento di un accordo sui contenuti del piano, attuare le azioni ivi programmate; 
  • in mancanza di accordo, avviare la procedura di riduzione del personale.

Il Decreto Legge n. 144 del 23 settembre 2022 (v. nostra newsflash) aveva già modificato la procedura anti-chiusura:

  • prolungando da 30 a 120 giorni il periodo concesso per l’esame congiunto del piano;
  • inasprendo le conseguenze sanzionatorie qualora l’esame congiunto si fosse concluso senza sottoscrizione del piano;
  • introducendo un obbligo di restituzione degli aiuti di Stato a carico dei datori di lavoro che cessino definitivamente l’attività produttiva, anche a seguito di delocalizzazione. 

Il legislatore, in sede di conversione, opera una correzione formale della rubrica della norma, ora denominata: “norme in materia di delocalizzazione o cessazione di attività di imprese che non versano in situazione di crisi”, e apporta una modifica di natura sostanziale. In un’ottica deflattiva delle chiusure aziendali, è oggi, infatti, disposto che la comunicazione iniziale della procedura in commento debba avvenire 180 giorni prima (non più 90) dell’avvio del licenziamento collettivo. Resta fermo che sono nulli i recessi intimati per ragioni oggettive in mancanza della comunicazione iniziale o prima dello scadere del suddetto termine di 180 giorni o di quello minore entro il quale sia sottoscritto il piano.

Attenzione, quindi, a rispettare i nuovi termini imposti dalla normativa in vigore onde evitare di incorrere in significative sanzioni.

Lo Studio è a disposizione per coadiuvare le aziende nella gestione degli esuberi del personale. 

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Nuovo differimento al 1° gennaio per le comunicazioni di smart working Novembre 25, 2022 - Slitta dal 1° dicembre 2022 al 1° gennaio 2023 il termine entro cui le aziende, che ricorrono al lavoro agile sulla base di accordi individuali, devono adempiere ai relativi obblighi di comunicazione.  I datori hanno, dunque, un mese di tempo in più per comunicare i nominativi dei lavoratori interessati, l’inizio e la fine delle prestazioni ... Leggi tutto
Fringe Benefit: fino a 3.000 euro per il 2022 Novembre 21, 2022 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 176 del 18 novembre 2022 (c.d. «Decreto Aiuti-quater») che prevede, sub art. 3, comma 10, limitatamente al periodo d’imposta 2022, l’innalzamento da Euro 600 ad Euro 3.000 del limite annuo di non imponibilità dei beni e dei servizi che i datori di lavoro possono riconoscere ai lavoratori ... Leggi tutto
Conversione Decreto Aiuti-ter: novità per le chiusure aziendali Novembre 18, 2022 - È ancora una volta modificata la disciplina c.d. anti-chiusura prevista dalla Legge di Bilancio 2022, che ha introdotto nuovi obblighi procedurali per i datori di lavoro, con in media almeno 250 dipendenti,  intenzionati a chiudere una sede con conseguente licenziamento di almeno 50 lavoratori. Come noto, da gennaio scorso siffatte imprese, prima dell’avvio di un ... Leggi tutto
Fondo Nuove Competenze 2022: pubblicato l’Avviso Anpal sulle modalità di accesso Novembre 17, 2022 - In attuazione del DM del 3 novembre scorso (v. nostra newsflash) l’Anpal ha pubblicato l’Avviso recante le nuove modalità di accesso al Fondo Nuove Competenze 2022. La dotazione complessiva del Fondo è di 1 miliardo di euro ed è destinata a sostenere le imprese principalmente nei percorsi di sviluppo delle competenze digitali e “green” dei lavoratori, da realizzarsi anche nel 2023. ... Leggi tutto