Fondo Nuove Competenze 2022: pubblicato l’Avviso Anpal sulle modalità di accesso

Last Updated on Novembre 17, 2022

In attuazione del DM del 3 novembre scorso (v. nostra newsflash) l’Anpal ha pubblicato l’Avviso recante le nuove modalità di accesso al Fondo Nuove Competenze 2022.

La dotazione complessiva del Fondo è di 1 miliardo di euro ed è destinata a sostenere le imprese principalmente nei percorsi di sviluppo delle competenze digitali e “green” dei lavoratori, da realizzarsi anche nel 2023.

Gli accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro devono essere sottoscritti a partire dal 4 novembre e non oltre il 31 dicembre 2022 e devono contenere l’indicazione:

  • del numero dei lavoratori coinvolti;
  • delle ore da destinare alla formazione, nel limite minimo di 40 e massimo di 200 ore per ciascun lavoratore;
  • del periodo entro cui le attività formative (e la relativa rendicontazione) devono concludersi, periodo che non può eccedere 150 giorni dalla data di comunicazione di approvazione dell’istanza;
  • dei fabbisogni formativi dell’azienda a seguito della transizione digitale, ecologica e industriale, nonché di progetti di investimento strategico;
  • dei progetti formativi riconosciuti nell’ambito di specifiche classificazioni internazionali, con individuazione delle modalità di valorizzazione del patrimonio di competenze possedute dal lavoratore nonché di personalizzazione dei percorsi di apprendimento. 

I datori di lavoro privati, incluse le società partecipate pubbliche, possono presentare domanda di accesso al FNC, a decorrere dalle ore 11 del 13 dicembre e sino al 28 febbraio 2023, attraverso la piattaforma informatica MyAnpal, utilizzando l’identità̀ SPID, CIE o CNS. Le istanze, corredate dall’accordo collettivo, sono valutate secondo l’ordine cronologico di presentazione.

Ai fini dell’approvazione, l’Anpal richiede alle Regioni interessate di esprimere un parere sul progetto formativo, parere che, decorsi dieci giorni dalla richiesta, si intende acquisito positivamente per silenzio assenso. In caso di rigetto, l’istanza può essere ripresentata.

benefici riconosciuti tramite il Fondo sono i seguenti: 

  • 60% della retribuzione oraria delle ore destinate alla formazione;
  • 100% della retribuzione oraria delle ore destinate alla formazione, qualora vi siano accordi che, oltre alla rimodulazione dell’orario di lavoro, prevedano, a parità di retribuzione e per almeno un triennio, anche una riduzione di almeno un’ora del normale orario settimanale;
  • 100% dei contributi previdenziali e assistenziali, inclusa la quota a carico del lavoratore.

Il contributo massimo riconoscibile per ciascun’istanza non può eccedere i 10 milioni di euro. Il datore può richiedere un’anticipazione del contributo concesso nella misura del 40% (garantita da apposita fideiussione bancaria o polizza fideiussoria) e il relativo saldo entro e non oltre 150 giorni dall’approvazione dell’istanza. 

L’attività di formazione è, di norma, finanziata dai Fondi paritetici interprofessionali. L’azienda non può essere soggetto erogatore della formazione, che deve essere invece assicurata da un ente accreditato a livello nazionale o regionale. Le competenze acquisite devono essere attestate secondo specifici percorsi e parametri.

Attenzione, dunque, alle seguenti scadenze:

Sottoscrizione degli accordi  4 novembre – 31 dicembre 2022
Avvio delle domande 13 dicembre 2022
Termine finale per le domande 28 febbraio 2023

È fondamentale ricordare che le domande verranno esaminate secondo l’ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Lo Studio ha costituito un team, a disposizione delle aziende interessate, al fine di supportarle nella predisposizione degli accordi e dei progetti e per la loro attuazione nei brevi tempi definiti per questo importante strumento di sviluppo e competitività. 

Di: Avv. Alessia De Concilio e Avv. Stefania Vitiello

Per maggiori informazioni: comunicazione@toffolettodeluca.it
Il tempo-tuta va retribuito solo se c’è eterodirezione Maggio 28, 2024 - Le imprese hanno apprezzato gli innegabili vantaggi del ricorso allo smart working. Dalla maggiore flessibilità e dalla possibilità di conciliare meglio le esigenze di vita privata con quelle lavorative spesso derivano, infatti, l’incremento della produttività dei lavoratori e la riduzione del tasso di assenteismo. Diversi sono i profili di interesse per le imprese quando si tratta di lavoro agile, ma nel presente approfondimento ci soffermeremo sul diritto alla disconnessione del dipendente, tema di cui si sta occupando anche il legislatore comunitario.
Violenza contro le donne: pubblicata la Direttiva Maggio 27, 2024 - È stata pubblicata la Direttiva n. 1385 del 14 maggio 2024 «sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica». Scopo del provvedimento è combattere efficacemente il fenomeno, ancora purtroppo molto diffuso, della violenza di genere, concentrandosi in modo particolare sulla definizione precisa di reati e pene irrogabili, sulla protezione e assistenza delle vittime e sull’accesso alla giustizia. In particolare, è disposto che gli Stati membri adottino misure appropriate per contrastare tutte ... Leggi tutto
Disabilità: istituito dal 2025 il Garante nazionale Disabilità: ecco cosa cambia Maggio 16, 2024 - Il 14 maggio è stato pubblicato il Decreto legislativo n. 62 del 3 maggio 2024 recante la «Definizione della condizione di disabilità, della valutazione di base, di accomodamento ragionevole, della valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato».  Con il provvedimento in commento si aggiunge un importante tassello all’attuazione della Legge delega n. 227/2021 in materia di disabilità.  Il Decreto, ... Leggi tutto
Decreto Coesione: nuovi incentivi per le assunzioni Maggio 10, 2024 - Il Governo ha adottato il Decreto Legge n. 60 del 7 maggio 2024 (cd. Decreto Coesione) contenente una serie di incentivi volti all’inserimento
 nel
 mondo
 del
 lavoro
 dei
 soggetti più svantaggiati
 in ragione
 dell’età,
 del
 genere e dello stato occupazionale nonché a favorire iniziative imprenditoriali finalizzate anche a ridurre i divari territoriali. Per 
ciascuna
 misura
 ... Leggi tutto