Toffoletto De Luca Tamajo Joins Parks – Liberi e Uguali for the promotion of diversity

Last Updated on October 6, 2017

Milano, 6 ottobre 2017. Toffoletto De Luca Tamajo, il maggiore studio legale italiano specializzato in diritto del lavoro per le imprese, aderisce a Parks – Liberi e Uguali , associazione italiana senza scopo di lucro formata esclusivamente da datori di lavoro, con l’obiettivo di aiutare le aziende socie a comprendere e avvalersi del vantaggio competitivo derivante dallo sviluppo di strategie e buone pratiche che valorizzino le diversità legate soprattutto all’orientamento sessuale e all’identità di genere (LGBT).

«La diversità all’interno di un’organizzazione è un valore e saperla gestire al meglio rappresenta un vantaggio competitivo – commenta l’avvocato Aldo Palumbo , partner dello Studio e referente del progetto Parks. – È necessario tuttavia che l’approccio verso le diversità sia proattivo e non si limiti alla mera accettazione. Nelle realtà in cui la libertà nell’orientamento sessuale e l’identità di genere vengono agevolate fino ad essere vissute come un elemento di normalità, infatti, si evidenzia una spiccata  propensione al problem solving, alla creatività, alla maggiore apertura tra i collaboratori. Al nostro interno promuoviamo da sempre un atteggiamento inclusivo e scevro da ogni forma di discriminazione, anche indiretta, che trova riscontro nei valori espressi da molti dei nostri Clienti. È questo un obiettivo che perseguiamo anche attraverso l’innovazione e la crescita dei talenti, garantendo una massima importanza alla formazione dei giovani indipendentemente da genere, etnia, religione, capacità fisiche, orientamento sessuale o identità di genere».

Per favorire la gender equality, i Soci si impegnano in prima persona nella tutela di tali valori e affinché vengano applicati efficacemente in tutte le attività dello Studio. Sin dal processo di reclutamento e per tutto il percorso di carriera, ogni professionista ha la possibilità di crescere e affermarsi, bilanciando il proprio impegno lavorativo con la vita privata secondo le proprie necessità. Questo sistema basato esclusivamente sulla meritocrazia ha generato un meccanismo virtuoso per il quale partner e avvocati donne hanno risultati professionali anche superiori a quelli di sesso maschile.

«Siamo orgogliosi che Toffoletto De Luca Tamajo, il maggiore studio legale italiano di diritto del lavoro e sindacale, abbia voluto fare suo il progetto di Parks sulla valorizzazione delle differenze, anche quelle relative all’orientamento sessuale e l’identità di genere, nei luoghi di lavoro, – sottolinea Igor Suran, Direttore Esecutivo di Parks. – È un forte segnale che testimonia non solo l’impegno dello Studio nella creazione degli ambienti di lavoro inclusivi per tutti, ma anche la volontà di agire come agente di cambiamento sociale che nel caso della professione legale assume un’importanza straordinaria».

«Come avvocati specializzati in diritto del lavoro, assistiamo spesso aziende ed enti nella redazione delle policy in materia di diversity – aggiunge l’avvocato Donatella Cungi , partner dello Studio e referente per il progetto Parks assieme all’avv. Palumbo. – Queste policy portano ad una vera inclusione e sono realmente efficaci solo se applicate “top down”, se ben si integrano con il tessuto dell’azienda e se l’organizzazione stessa è ben disposta al cambiamento. Il mondo, sia a livello lavorativo che di società, cambierà solo quando le persone saranno disposte a valutarsi per quello che realmente sono e le organizzazioni comprenderanno che creare e gestire la diversità rappresenta un reale vantaggio competitivo. Accettare e proteggere la diversity non è solo una questione etica ma significa agire per l’interesse culturale ed economico dell’azienda».

Con l’ingresso in Parks, lo Studio si unisce all’importante gruppo di aziende e istituzioni che hanno scelto di assumere un ruolo attivo nello sviluppo di una cultura che valorizzi e sostenga la diversity.

Cohesion Decree: new incentives for hiring May 15, 2024 - The Government has adopted Decree Law No. 60 of 7 May 2024 (the so-called ‘Cohesion Decree’), which contains a series of incentives aimed at employment for the most disadvantaged in terms of age, gender, and employment status, as well as encouraging self-employed entrepreneurship in order to reduce territorial disparities. For each measure the decree specifies the recipients, duration, type of ... Read more
Immigrazione: nuove regole UE sul permesso unico Immigration: new EU rules for the single permit May 13, 2024 - On 30 April, Directive 2024/1233 was published, incorporating and amending the previous Directive 2011/98/EU that instituted the single permit issued to third-country nationals wishing to reside and work in a Member State The provision of a single application procedure leading to a combined title encompassing both residence and work permits has contributed to simplifying and harmonising immigration rules. With the same view of making it ... Read more
Conversion of “DL PNRR 4”: more news regarding contracting May 8, 2024 - Confirming the criminal sanctioning system provided for in the Decree for unlawful lease of personnel (see our newsflash “Publication of New Decree PNRR 4” of 11.03.2024), conversion law no. 56 of 29 April 2024 once again intervenes on the guidelines of contracting. It stipulates that the personnel employed in contracting and subcontracting shall now be accorded not only ... Read more
Gender equality: pay attention to the deadlines for the biennial report and social security contributions’ exemption Gender equality: pay attention to the deadlines for the biennial report and social security contributions’ exemption April 15, 2024 - With a notice published on its website on 10 April, the Ministry of Labour announced that the deadline for submitting the 2022-2023 Biennial Report has been postponed from 30 April to 15 July 2024. We remind you that, pursuant to Article 46 of Italian Legislative Decree no. 198/2006, companies with more than 50 employees must draw up a report on the situation of male and female employees every two years and send it to the Ministry of Labour, the Works Councils, the Regional Equality Councillor and the President of the Council of Ministers Department of Equal Opportunities.